Home » Mettiti alla prova » Serve davvero?

Serve davvero?

Serve davvero? - Il medico comunica
Domande utili, domande inutili e domande da gestire

Buon giorno dottore. Sono andato dal suo collega, come mi aveva consigliato, e mi sono trovato benissimo. Grazie davvero. Mi ha dato una dieta, vietandomi i formaggi e le bevande alcooliche, e mi ha detto di ridurre gli zuccheri. Mi ha prescritto tre diversi farmaci: X da prendere al mattino, Y da prendere la sera e Z da prendere a giorni alterni. Mi ha anche consigliato di rifare gli esami tra due mesi e di fare un controllo da lui dopo aver rifatto gli esami, e di farmi seguire da lei in questo periodo.

Ora avrei un po’ di domande da porle.

  1. Il latte lo posso bere?
  2. X, Y e Z hanno effetti collaterali?
  3. Quali effetti collaterali hanno?
  4. Faranno effetto in fretta?
  5. Devo prendere X prima o dopo aver fatto colazione?
  6. Posso mettere lo zucchero nel caffè o è meglio evitarlo?
  7. Devo prendere Z sempre alla stessa ora?
  8. Gli esami sono da rifare due mesi dopo la visita o due mesi dopo che ho iniziato la cura?
  9. Y è in gocce. Cosa succede se prendo una goccia in più o in meno?
  10. Quali sintomi devo controllare in particolare per sapere se la cura sta funzionando?

Domande

  • Identificate quali domande sono poste in maniera utile e quali invece risultano poco utili, a meno che il medico non sappia interagire efficacemente.

 Le risposte nel file allegato

Note importanti

Non preoccupatevi minimamente del significato clinico – diagnostico di ciò che viene detto!! Si tratta di un esempio che, dal punto di vista medico, è totalmente assurdo.

È importante ricordare che una domanda viene definita “utile” o “inutilein base ad un concetto di comunicazione, e non in base a criteri clinici.

Vengono definite “utili” le domande che, esattamente così come sono formulate e indipendentemente dalle caratteristiche comunicazionali del paziente o del medico, permettono di aggiungere informazioni utili al rapporto medico – paziente.

Le domande inutili, invece, sono di due tipi:

    • Domande assolutamente inutili: non aggiungono nulla al dialogo medico – paziente o addirittura lo rendono più difficile e complesso
    • Domande inutili da gestire: sono domande che, così come sono formulate, sono inutili, ma possono diventare utili se formulate in maniera diversa o se fatte da alcune tipologie di pazienti, e richiedono quindi una gestione accurata.

Le risposte nel file allegato