Home » Articoli » Salute » Quattro passi in galleria per la salute

Quattro passi in galleria per la salute

Quattro passi in galleria per la salute - Il medico comunica

I dati lo dimostrano: molte malattie gravi possono essere combattute con efficacia.

Leggendo le statistiche appare chiaro che negli ultimi anni i processi di diagnosi e terapia hanno ottenuto risultati notevoli. Oltre il 50% dei pazienti con diagnosi di tumore è vivo dopo 5 anni, abbiamo farmaci efficaci di seconda e persino di terza linea, il cancro non è più un’automatica ed inesorabile condanna a morte, e lo stesso vale per numerose patologie gravi.

La medicina, intesa come modalità diagnostiche e terapeutiche, va avanti. Eppure, e il medico lo sa bene, esiste una forse sottile, ma sostanziale differenza tra sopravvivenza e vita. C’è molto da fare sia come attenzione al benessere che come cambiamenti sostanziali nella società. L’allungamento della vita media ha portato recentemente alle dichiarazioni che non si è davvero anziani fino a 75 anni (e si spera sia davvero così, visto che probabilmente dovremo lavorare fio a quell’età). Però, ancora, molti pazienti tacciono delle loro gravi malattie in azienda perché dichiararle significa blocco alla carriera, se non licenziamento alla prima occasione.

Sono ormai consolidati i progetti di psicologia per affiancare i pazienti, e stanno cominciando a muovere i primi passi diversi progetti di health coaching e di counselling.

Ciò che serve è aumentare la resilienza del paziente, la sua capacità di elaborare l’esperienza della malattia. Quando la diagnosi è grave, aiuta poco un paziente paziente e passivo: ci sono diverse pubblicazioni relative allo stress post-traumatico anche dopo anni negli individui con diagnosi di tumore.

Ed è nella direzione di acquisire resilienza, elaborare l’esperienza e gestire al meglio la quotidianità che va il mio ultimo libro: Quattro passi in galleria - Quando non vedi la fine del tunnel, arredalo. Nato dalla mia esperienza di paziente e dai miei tanti anni di studio sulla comunicazione e la crescita personale, il libro è una storia, quella della malattia, che fa da cornice a consigli per passare da paziente-passivo a soggetto attivo alla ricerca della felicità, con un pizzico di ironia. Un libro per il paziente e per chi gli è vicino

Quattro passi in galleria - Quando non vedi la fine del tunnel, arredalo esiste sia in versione cartacea che come ebook. Potete trovarlo on line

Youcanprint, Amazon, IBS, La Feltrinelli, Mondadori store