Home » Management per il Medico » Le nuove metodologie di business incontrano i medici

Le nuove metodologie di business incontrano i medici

Le nuove metodologie di business incontrano i medici - Il medico comunica

La salute è un bene primario, ma la crisi economica mondiale sta scuotendo alle fondamenta i sistemi sanitari …

In passato la democrazia dei Paesi veniva misurata anche dai benefici alla salute dei cittadini: accesso a nuovi farmaci, a nuove tecnologie …

È capitato a molti di scandalizzarsi per il sistema americano, che nega (in parte negava) le cure necessarie a chi non poteva pagare, o di discutere il sistema inglese, rigidamente basato su una valutazione costo / beneficio. L’Italia è, tuttora, considerata una sorta di paradiso da molti immigrati per la possibilità di accedere alle cure mediche.

Poi … i costi a carico dello Stato sono lievitati oltre misura, e questo vale per qualunque Paese e sistema sanitario. Sono cominciate le misure restrittive e, con la crisi economica mondiale, i tagli sono sempre più drastici e frequenti.

Ed ora la recessione.

È ovvio che ci siano problemi per il cittadino, e per il malato. Ma la frustrazione è molto forte anche per il medico, che sempre più spesso si rende conto che il paziente non può seguire le indicazioni terapeutiche per motivi economici.

Difficile dire quando usciremo dalla crisi. Sicuramente anche quando ne verremo fuori nulla sarà più come prima.

Meglio essere consapevoli che un altro mondo è possibile.

Ormai da qualche anno alcuni gruppi, partendo dalle migliori menti di business e management del mondo, cercano e trovano strade alternative per analizzare e migliorare la società e la qualità di vita dei singoli individui: mi riferisco in particolare all’MIT di Boston ed alle associazioni collegate.

Diversi progetti realizzati, e molti progetti in corso, dimostrano che è possibile migliorare l’assistenza sanitaria, la salute degli individui, la qualità della professione medica, non solo senza aumentare i costi, ma addirittura riducendoli. In Italia c’è ancora poco (ma ci stiamo lavorando).

Per i più curiosi, cominciate a guardare il sito del Presencing Institute  http://www.presencing.com/