Home » Articoli » Salute » Compliance per tutti! con una migliore Comunicazione medico – paziente

Compliance per tutti! con una migliore Comunicazione medico – paziente

Compliance per tutti! con una migliore Comunicazione medico – paziente - Il medico comunica

Ottenere una maggior compliance è uno degli obiettivi principali dello studio della Comunicazione Medico - Paziente

Alla ricerca del termine compliance il dizionario di italiano specifica che si definisce compliance "la collaborazione prestata dal paziente nel seguire le istruzioni del medico".

Sembra abbastanza facile: il medico dà istruzioni e il paziente collabora, possibilmente seguendole alla lettera.

Ma se fosse davvero così semplice, la compliance non sarebbe il tema più trattato in assoluto nell'ambito del rapporto medico-paziente.

Già, perché un'indagine recentemente condotta ha evidenziato che:

  • il 90% dei medici vorrebbe saperne di più in tema di comunicazione medico-paziente,
  • ben il 74% di loro desidera utilizzare le nuove competenze acquisite per migliorare la compliance del paziente.

La compliance è quindi chiaramente un obiettivo importante da raggiungere nel rapporto medico-paziente.

Ma come si può fare?

Come abbiamo visto la compliance riguarda sia il medico che il paziente:

  • il medico deve dare istruzioni
  • il paziente deve seguire le istruzioni ricevute

Se un passaggio apparentemente semplice diventa complesso il nodo può essere cercato solo nell'ambito della comunicazione medico-paziente.

Per anni le aziende farmaceutiche hanno fatto del miglioramento della compliance uno dei loro principali punti di forza, talvolta fino a registrare il prodotto (posologia, forma farmaceutica) che garantisse la maggior compliance, anche se non necessariamente i migliori risultati terapeutici. Si pensa che rendendo la prescrizione semplice, o semplicistica, si possa ottimizzare la compliance. Ma non è proprio così.

Migliorare la compliance non è difficile, ma è un problema di comunicazione medico-paziente, e come tale va affrontato migliorando la comunicazione tra medico e paziente.

Il medico trascorre lunghi anni sui libri, e poi lunghi anni a fare pratica.

Ma in tutto questo tempo raramente ci si preoccupa di insegnargli a comunicare col paziente. Questo aspetto, fondamentale per diventare un ottimo medico, è generalmente delegato alla buona volontà dei singoli docenti. Personalmente ho visto professori insegnare con pazienza e costanza il modo migliore per comunicare con i pazienti e con le loro famiglie, ma non è obbligatorio.

Oggi esistono tecniche di comunicazione abbastanza semplici ed accessibili (in primo luogo la PNL, a cui aggiungo la Psicodinamica, gli insegnamento della Scuola di Palo Alto, il Milton Model e le tecniche di coaching) che permettono al medico di migliorare la sua comunicazione con il paziente in tempi rapidi.

E questo sì che ottimizza la compliance!